info@templaza.com

Manutenzione

GLAMLINEAGrazie alla sua naturalità e bellezza, il pavimento in legno oggi è una della pavimentazioni maggiormente utilizzate sia in ambienti domestici che in zone ad alto traffico.
Inoltre grazie all’utilizzo di finiture protettive di ultima generazione si sfata il pensiero di un prodotto delicato
e di difficile manutenzione. Il legno è per antonomasia un materiale vivo, in quanto reagisce alle condizioni
dell’ambiente in cui si trova, e per tanto si deve tenere conto della temperatura e umidità ai quali viene sottoposto. Per tanto la prima cosa indispensabile è quella di verificare che le condizioni dei locali dove verrà posato il parquet siano ideali, sia per quanto riguarda l’umidità ambientale che la temperatura, oltre a verificare che i serramenti siano installati e che l’umidità dei sottofondi siano quelli consentiti dalla norma. L’ambiente ideale deve essere quello in sintonia sia per il pavimento che per chi ci abita, quindi per la salute dell’uomo, e per tanto in ambiente deve essere mantenuta una umidità compresa fra il 45% ed il 60% ed una temperatura compresa tra i 16° e 22°. Il pavimento in legno, scegliendo l’essenza ed il tipo di prodotto, è nella maggior parte adatto anche ad essere posato su massetto riscaldato, sempre maggiormente in uso nelle abitazioni. Nel caso di riscaldamento di tipo tradizionale è indispensabile utilizzare apposite vaschette umidificatici da porre ai caloriferi, allo scopo di mantenere il tasso di umidità ambientale ai valori appena descritti, ed evitare così spiacevoli movimenti indesiderati del legno. Il legno, in particolar modo nelle specie esotiche, reagisce alla luce e all’aria dando inizio ad un naturale fenomeno di ossidazione, fenomeno di breve durata, che valorizza e uniforma la tonalità di colore caratteristica del legno. Si raccomanda inoltre di porre alle sedie e agli arredi appositi feltrini, oltre che negli ingressi, soggetti ad usura, uno zerbino.
Si sottolinea il fatto che eventuali segni su di un pavimento in legno lasciati dal tempo non sono per forza di cosa antiestetici, ma anzi possono dare quell’aspetto vissuto che ne aumenta la piacevolezza.

Manutenzione e pulizia del parquet

A seconda della loro frequenza li possiamo dividere in trattamenti di pulizia e manutenzione ordinaria e straordinaria.
I trattamenti si possono distinguere anche in base al tipo di finitura del parquet, che può essere a olio o a vernice. Grazie alla sua naturalità e alla sua proprietà “non riflettente” la finitura oggi maggiormente richiesta è quella a base di oli.
Specificatamente alla pulizia ordinaria si utilizza lo stesso metodo per tutte le tipologie, quella invece per la pulizia e manutenzione straordinaria è diversa secondo il tipo di finitura.

Pulizia
Ogni qualvolta si renda necessario, utilizzare un aspirapolvere con apposita scopa raccogli polvere, o una
scopa con setole morbide naturali. Possono essere utilizzati anche dei panni specifici in microfibra elettrostatica. Da evitare l’uso di macchine pulitrici a vapore.

Manutenzione ordinaria
Secondo necessità, con cadenza meno frequente, utilizzare un panno appena umido e ben strizzato. E’ possibile usare o solo acqua, assolutamente non calda, oppure meglio di tutto acqua con aggiunta di detergente neutro per pavimenti in legno, senza solventi. La Friulparchet consiglia l’uso di SOFT BALM per i prodotti oliati o di CLEANER e POLISH per i pavimenti verniciati. Non utilizzare mai prodotti schiumosi ed è utile evitare ammoniaca e sostanze aggressive come alcool e candeggina, o comunque qualsiasi altro prodotto “aggressivo”, i quali possono danneggiare la finitura applicata. Una volta terminato il lavaggio, su
pavimento completamente asciutto, sarà possibile procedere alla lucidatura, senza l’utilizzo di particolari prodotti, in quanto sarà sufficiente passare un panno di cotone asciutto seguendo la direzione delle venature del legno.

Manutenzione straordinaria – Trattamenti protettivi differenziati per tipo di finitura

Pavimenti con finitura verniciata: per i materiali verniciati, secondo frequenza legata all’usura, si esegue questa operazione con tempi che mediamente si aggirano da una volta ogni tre mesi a una volta all’anno. Allo scopo di ravvivare e rinnovare la protezione della superficie del pavimento, Friulparchet consiglia di utilizzare METAL per i pavimenti verniciati. Le modalità di applicazione praticamente sono le medesime del normale lavaggio, solamente che insieme all’acqua si aggiunge lo specifico prodotto, rinforzante e protettivo, donando al pavimento idrorepellenza oltre che un ulteriore nutrimento.

Pavimenti con finitura oliata: la frequenza di intervento, anche per questo trattamento, è legata all’usura ma
mediamente una volta ogni tre mesi. È necessario quindi rinnovare il trattamento ad olio per nutrire e proteggere il legno, stendendo semplicemente con un panno morbido una nuova mano del prodotto, sempre seguendo la direzione delle venature del legno. Friulparchet consiglia di utilizzare KRONOS. Il trattamento ad olio dona un aspetto assolutamente naturale del legno, lasciandolo traspirare lasciandone i pori aperti. Nello specifico su un pavimento oliato, anche nel caso sia stato eseguito un trattamento di tinteggiatura, a differenza di un pavimento verniciato, in caso di graffi, macchie e strisciature, è possibile intervenire con trattamenti locali, anche con parziali levigature, e compensate con olio di ripristino, riportando con questi piccoli e semplici interventi il parquet al suo splendore iniziale, ciò mediante TOCCO che viene consegnato gratuitamente da Friulparchet ad ogni fornitura. Una volta all’anno sarebbe opportuno intervenire con un trattamento più intensivo allo scopo di riportare lo stato superficiale del legno allo stato iniziale. Friulparchet consiglia di utilizzare TALITA.Si avrà in questo modo un pavimento sempre perfetto come appena
acquistato.

L’azienda Friulparchet rilascia ad ogni fornitura apposita scheda manutenzione, secondo il tipo di trattamento
eseguito. è indispensabile che il consumatore finale legga attentamente quanto in essa contenuto allo scopo di evitare di eseguire procedimenti errati.